abuso di eroina - Narconon Falco prevenzione

Intervista: l’abuso di eroina

F: Ciao, sono Francesco operatore del centro Narconon Falco. Come la scorsa volta facciamo un’intervista approfondita sulle droghe per poter dare maggiori informazioni alle famiglie chi sta utilizzando e per far prevenzione. Oggi affrontiamo il problema eroina con Giorgio.

Cos’è l’eroina? 

G: Ciao Francesco. L’eroina in sostanza è un derivato della morfina. È polvere che si può trovare in vari colori, marrone scura molto appiccicosa come sostanza, bianca, giallastra o anche leggermente sul rosa. Dipende con che cosa viene mischiata. Di norma è più frequente trovare quella bianca chiamata “thailandese” o quella marrone chiamata “brown”.

F: Ok e in che modo viene utilizzata?

G: Può essere sniffata, fumata e iniettata. Quando viene fumata viene messa su un foglio di alluminio che poi viene bruciato sotto con l’accendino in modo che l’eroina scorra e viene poi aspirato il fumo con una cannuccia di carta, metallo o alluminio. Mentre quando viene iniettata, viene mescolata l’acqua con la sostanza e una volta sciolta viene messa in una siringa.

F: Ho capito. Quali sono gli effetti dell’eroina?

G: Gli effetti dell’eroina sono molto facili da individuare, prima di tutto le pupille diventano piccolissime quasi invisibili, prurito incontrollabile, si arriva anche a farsi del male per il modo in cui ci si gratta e gli occhi si chiudono anche senza volerlo. L’eroina è un sedativo, quindi rallenta il battito cardiaco e di conseguenza anche la respirazione. Si prova un eccessivo rilassamento dei muscoli, non si riesce a mangiare nulla, anzi spesso si vomita. Non riesci quasi più a pensare, i movimenti sono rallentati e a lungo andare assumendo eroina perdi qualsiasi tipo di emozione e sentimento. Non ti importa più di nulla.

F: Quali sono i sintomi di astinenza?

G: Sono molto brutti e pesanti da sopportare. Sudorazione eccessiva, brividi in tutto il corpo di caldo e freddo (che spesso si continuano ad avere nonostante l’astinenza sia finita), sbadigli continui e si può arrivare anche a disturbi di stomaco. Oltre a tutto ciò ci sono dei fortissimi e fastidiosi dolori muscolari e spasmi. Solitamente i punti più dolorosi sono caviglie, ginocchia/gambe e schiena. Ti viene sempre da stirare questi punti per alleviare i dolori.

F: Quali sono i rischi di abuso?

G: Malattie infettive per chi la inietta. Invece per chi ne fa uso in qualsiasi modo c’è il rischio di overdose, che può essere temporaneamente bloccato da un farmaco chiamato “Narcan” ma che non è detto che ti salvi la vita. Insomma il rischio più grande è che puoi morire ogni volta che la utilizzi.

F: Come hai iniziato ad assumerla? 

G: Ho iniziato quando ero piccolo avevo intorno ai 14 anni, a dire la verità ero anche contro le droghe e chi le utilizzava, poi mi sono ritrovato tra amici il giorno del mio compleanno e mi sono lasciato convincere a provarla e che per una volta non sarebbe successo nulla ed invece non è stato così… Mi sono pian piano rovinato la vita iniziando ad usarla tutti i giorni in quantità.

F: Cosa consiglieresti a chi ha questa dipendenza? 

G: Consiglierei di farsi aiutare da esperti, come alla fine ho scelto di fare io. Ho deciso di intraprendere il percorso al Narconon Falco e mi ha salvato la vita. Consiglio di non vergognarsi e di non cedere alle debolezze che l’eroina ci fa avere come quella di impazzire per i dolori che si provano. Per cambiare e avere una vita migliore bisogna affidarsi a persone competenti e qui le ho trovate e mi hanno aiutato a cambiare la mia. Ora dopo tantissimi anni sto bene e sono fiero di me stesso.

Se conosci qualcuno che fa uso di eroina intervieni subito per aiutarlo, fallo parlare con i nostri operatori, disponibili tutti i giorni, festività comprese.

Tel. 0984-964720

Cell. 335-8795226

La preghiamo di fornirci il suo numero di telefono se desidera essere contattato/a e ricevere una consulenza personalizzata, senza alcun impegno.
Puoi visualizzare l'intera informativa per la privacy a questa pagina.